Scheda volume
Titolo
Giovanni Termini. Fermaporte
Testi di
Giacomo Trinci, Alberto Zanchetta
Descrizione
FERMAPORTE si concretizza grazie al ruolo fondamentale dell’interlocutore, che è parte integrante del progetto, perché l’opera avrà motivo di esistere solo nel momento in cui verrà collocata, quindi non sarà tale se non in funzione dello spazio/luogo che gli verrà attribuito. Installata a pavimento o sul calpestio fungerà da fermaporte, in casa, in ufficio o nello spazio espositivo, ed eviterà che la porta si chiuda accidentalmente. Una nuova pelle, in un bagno galvanico argenteo, ne farà specchio e discrezione nella mimesi. Parafrasando Duchamp e la sua Door, 11 rue Larrey, quest’opera non è semplicemente utile: trasuda funzionalità. Quindi, un foro, il carotaggio di un muro, un varco che apre a una nuova dimensione, è l’opera che smette di essere oggetto. «Io buco» – diceva Lucio Fontana – «passa l’infinito di lì, passa la luce, non c’è bisogno di dipingere, invece tutti hanno pensato che io volessi distruggere: ma non è vero io ho costruito, non distrutto».
Lingua
Italiano e inglese
Anno
Formato
N. pag.
2021 10,5x17,5 cm 64
ISBN
Prezzo
978-88-7336-839-7 15,00 €


1 pezzo già presente  
nel tuo scaffale  


Gli Ori srl - P.I. 01429500471 - Privacy Policy
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti, per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. OK   LEGGI DI PIÙ